Come viaggiare low-cost in aereo

Come viaggiare low-cost in aereo

Una delle voci più importanti -e pesanti economicamente- in un viaggio è il mezzo di trasporto. Se scegliamo l’aereo, viaggiare low-cost può sembrare semplice, ma in realtà nasconde parecchie insidie. Se non l’hai ancora fatto, leggi la puntata precedente: “Consigli per viaggiare low-cost“. Vediamo quindi come risparmiare denaro (e tempo) sui viaggi in aereo.

Viaggiare low-cost in aereo
Viaggiare low-cost in aereo

Viaggiare low-cost in aereo: i siti di ricerca voli

La prima cosa da fare è confrontare i prezzi delle diverse compagnie su uno dei tanti siti che permettono di fare raffronti: Google flights, Volagratis, Skyscanner e mille altri. Sono tutti ottimi e permettono di farsi un’idea di quanto potrebbe costare il volo ma è molto importante notare che il prezzo rilevato da questi motori di ricerca non è sempre corretto perché non possono tenere in considerazione le diverse opzioni delle singole compagnie. Hanno comunque una loro utilità perché permettono, con un colpo d’occhio di avere un’idea di quale sarà il prezzo approssimativo del volo e di confrontare diverse soluzioni (con o senza cambi, scali notturni, prezzi fuori mercato ecc.)

Il nostro consiglio, tuttavia, è di controllare sempre anche le singole compagnie aeree che vi quoteranno il prezzo con maggiore precisione e vi daranno tutte le opzioni possibili: toccherà poi a voi scegliere come viaggiare e quanto spendere.

Le compagnie low-cost

Sebbene possa sembrare una buona idea per risparmiare le compagnie low-cost non sempre offrono i prezzi più bassi. O magari li offrono solo apparentemente. Le compagnie aeree low-cost spesso indicano nel prezzo solo il trasporto mentre tutti gli altri costi sono esclusi. Solitamente se si ha intenzione di stivare del bagaglio bisogna pagare, la scelta del posto si paga così come gli altri servizi. Inoltre spesso le compagnie low-cost non arrivano all’aeroporto principale della città, ma ad uno secondario, facendo lievitare i prezzi del trasporto. E’ chiaro che spendere 20 euro di meno per poi utilizzarli per raggiungere il centro della città non ha senso.

L’unica cosa da fare è quindi comparare in modo molto preciso i prezzi e vedere qual è il più conveniente. E bisogna sempre ricordare che non c’è una compagnia migliore o meno cara di un’altra: ci sono solo i prezzi migliori o peggiori in quel preciso momento (che sono sempre suscettibili di variazioni).

La riattaccata – un’esperienza personale

Effettivamente spesso i prezzi bassi sono un’attrattiva. Non pagando la prenotazione, infatti, si potrebbe essere assegnati a posti distanti. Apparentemente questo non dovrebbe essere un problema, soprattutto con bambini più grandicelli che sono certamente in grado di restare senza i genitori accanto per un paio d’ore. Vi raccontiamo una nostra esperienza personale che ci ha fatto concludere che conviene SEMPRE prenotare i posti a sedere vicini.

Stavamo tornando da Londra: eravamo in atterraggio a Milano. Un secondo prima di toccare il suolo l’aereo riprende quota e risale: quella che in gergo tecnico si chiama riattaccata. Ovviamente le bambine hanno cominciato a tempestarci di domande (alle quali non avevamo risposte) e si sono agitate e preoccupate non poco. Il pilota ci ha rassicurato, poco dopo, dicendo che si trattava di un “very minor technical problem” (ma, del resto, ritengo improbabile che se ci fosse stato “a major technical problem” ce lo avrebbero comunicato). Al secondo tentativo l’atterraggio è stato perfetto.

Però se non fossimo stati vicini alle bambine sarebbero stati certamente momenti più difficili e concitati mentre in questo modo abbiamo potuto rimanere ognuno al proprio posto e gestire la paura.

Le compagnie “tradizionali”

Dopo l’esplosione delle compagnie low-cost le cosiddette compagnie tradizionali si sono riposizionate e ora la differenza di prezzo non è più così evidente. Naturalmente anche le compagnie tradizionali hanno rinunciato almeno in parte ai servizi che fornivano in favore di un viaggio più spartano. Ad oggi non ci sono grandi differenze tra le low-cost e le compagnie più blasonate: i prezzi sono sostanzialmente identici, o con variazioni minime. Tuttavia le compagnie “tradizionali” continuano a servire gli aeroporti principali e questo è spesso un vantaggio non indifferente. L’altro enorme vantaggio delle compagnie tradizionali è che continuano a gestire le coincidenze sia a livello europeo che intercontinentale.

Viaggiare low-cost in aereo: alcuni trucchi per risparmiare

In realtà qualche piccolo trucco per risparmiare c’è:

  • Risparmiare poco per risparmiare tanto: sembra un controsenso, ma quando si viaggia in tre o più persone basta risparmiare 50 euro a testa per risparmiarne 150 in totale. Ci si paga una notte in più in hotel.
  • Puntare sui giorni infrasettimanali: solitamente si tende a partire di sabato e tornare di domenica. Ma spesso durante la settimana i voli costano un po’ meno. Se proprio non riusciamo a chiedere un giorno di ferie in più possiamo considerare di partire il venerdì sera…
  • Attenzione alle festività: il 4 luglio per noi italiani è un giorno come un altro, ma negli Stati Uniti è festa nazionale, così come il 14 luglio in Francia, il 3 ottobre in Germania e via dicendo. Evitare queste date ci farà sicuramente abbassare il prezzo del volo.
  • Fate scalo: solitamente i voli diretti sono più costosi dei voli con scalo perché questi ultimi sono più scomodi. Ma siete in vacanza: davvero vi interessa arrivare a destinazione 3 ore prima quando potete risparmiare 300 euro?

Regno Unito e Stati Uniti viaggiare con British Airways

Ogni compagnia ha i suoi punti di forza (per quello è importante fare molte ricerche): British Airways è fortissima sui voli per il Regno Unito e gli Stati Uniti. I prezzi potrebbero sembrare simili a quelli di altre compagnie, ma se provate ad aggiungere l’hotel, quindi a fare una prenotazione volo+hotel direttamente dal sito di British Airways vedrete che il prezzo aumenta di pochissimo. E tra l’altro, spesso comprende anche il trasporto del bagaglio, altrimenti escluso con la tariffa base.

Questo naturalmente non significa che se volete andare negli Stati Uniti potete correre a prenotare con British Airways andando sicuri che non troverete un prezzo inferiore da altre parti (anche Aer Lingus ha prezzi estremamente vantaggiosi, ad esempio) ma semplicemente che questo è probabile.

Viaggiare low-cost in aereo: quando prenotare il volo

C’è chi dice che il momento migliore per prenotare un volo sia 3/4 mesi prima. Di certo i prezzi fluttuano, ma se dovete viaggiare in un periodo in cui viaggiano in tanti, il nostro consiglio è di prenotare anche 6/7 mesi prima, soprattutto se dovete viaggiare in famiglia.

Del resto, se trovate un volo per gli Stati Uniti a 190 euro a persona… quanto potrà mai scendere quel prezzo?

Tenete anche sempre presente che, soprattutto nel periodo estivo, i voli si saturano molto velocemente perché molte persone e molte famiglie viaggiano in quel periodo.

Non stancatevi mai di cercare!

Il modo migliore per viaggiare low-cost è cercare di continuo. Almeno fino a quando non decidete di pagare il volo. Ma fino a quel momento, continuate a fare interrogazioni su internet e a cercare la migliore offerta possibile. Prima o poi la troverete! Se invece vi fermate al primo prezzo che incontrate è quasi certo che vi lascerete scappare delle occasioni.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.