Come viaggiare low-cost in treno

Come viaggiare low-cost in treno

Il treno sembra un mezzo desueto per viaggiare, soprattutto per fare viaggi lunghi, magari tra uno Stato e l’altro. In realtà viaggiare in treno è efficiente e relativamente low-cost. Se sfruttato al meglio, il treno può dare grandi soddisfazioni, se si viaggia con budget limitato. Dopo “Come viaggiare low-cost in aereo” vediamo quindi come viaggiare low-cost in treno, sia in Italia che sulle tratte internazionali.

Treno low-cost
Treno low-cost

I treni low-cost in Italia

Per viaggiare in Italia la scelta non è limitata alla sola Trenitalia. Anche Italo offre tratte e tariffe interessanti, tutte sull’Alta Velocità. Naturalmente Trenitalia ha molte più tratte e più scelta, ma questo non vuol dire che si debba puntare necessariamente su quella compagnia. Nonostante entrambe pubblicizzino offerte a dir poco strabilianti è difficile riuscire a trovarle effettivamente disponibili. Ma difficile non significa impossibile.

Le tariffe migliori vengono sempre proposte in fase di acquisto, per cui non ci dobbiamo preoccupare di spulciare i rispettivi siti in cerca delle offerte. Quello che dobbiamo spulciare, al contrario, è il calendario attraverso il quale sarà possibile individuare la tariffa minore per il nostro viaggio. Trenitalia naturalmente tenderà a farvi viaggiare con l’alta velocità perché è il loro servizio commerciale sul quale possono applicare le tariffe che vogliono mentre sui servizi “locali” devono applicare le tariffe concordate con le regioni. Ma se avete la possibilità di adattarvi, i treni locali spesso possono essere notevolmente più convenienti. Più lenti, certo, ma non stiamo facendo una gara a chi arriva prima.

Sull’alta velocità il discorso cambia: i prezzi sono decisamente più alti, ma se si ha l’accortezza di scegliere gli orari e i giorni giusti si riesce a risparmiare. L’alta velocità, tra l’altro, serve solo le città principali, con poche eccezioni. Come sempre accade, bisogna provare tutte le combinazioni possibili, avere un po’ di flessibilità e avere la fortuna di incappare nell’offerta, che non sempre è presente (o, più spesso, è esaurita).

I treni low-cost per l’estero

Se per viaggiare in Italia il treno è ancora il mezzo più utilizzato, per l’estero è stato quasi del tutto soppiantato dall’aereo. Proprio per questo motivo, però, si riescono a spuntare i prezzi migliori. Molto spesso è possibile che i treni abbiano prezzi concorrenziali a quelli dell’aereo e tempi comparabili.

Ad esempio i treni verso Parigi permettono di arrivare nella Ville Lumiére praticamente con le stesse tempistiche del volo considerando che in aereo bisogna comprendere nei tempi di trasferimento anche gli spostamenti da/per l’aeroporto. I treni per l’Austria, invece, sono decisamente concorrenziali: soprattutto se si prenota il viaggio notturno (fattibile, anche se non lussuoso) si riescono a spuntare prezzi niente male.

Un discorso simile a quello di Parigi è da fare per i treni diretti in Svizzera e Germania: dove non c’è la concorrenza dell’aereo si trovano prezzi leggermente più alti, ma il servizio è comunque ottimo e vale sempre la pena darci un’occhiata nella speranza di trovare qualche offerta che faccia al caso nostro.

Dove e quando prenotare

Poiché le offerte solitamente sono in numero molto limitato conviene prenotare il prima possibile, appena i biglietti vengono resi disponibili (solitamente circa un paio di mesi prima della data di partenza). Conviene sempre prenotare direttamente sul sito del gestore, evitando gli aggregatori che possono essere comodi solo per controllare gli orari, ma non i prezzi.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.