Perché Van Gogh è così famoso?

Perché Van Gogh è così famoso?

Ogni volta che un suo dipinto viene venduto all’asta, vengono battuti dei record. Si parla di vendite per centinaia di milioni di dollari. Davanti ai suoi dipinti, nei maggiori musei del mondo, c’è sempre ressa. Il suo nome è famosissimo, conosciuto e riconosciuto da tutti. Ma perché Vincent Van Gogh è così famoso? Di certo le enormi quotazioni dei suoi dipinti hanno contribuito enormemente ad aumentare la fama del pittore. Ma probabilmente ci sono altre motivazioni per cui Van Gogh oggi è così famoso.

La chiesa di Auvers sur-Oise, Museé D’Orsay, 1890

L’artista “maledetto”

Tra gli aspetti che hanno reso Vincent Van Gogh così famoso c’è di certo il fatto che oggi i suoi quadri valgano milioni mentre quando l’artista era in vita non riuscì a venderne nemmeno uno. Van Gogh visse una vita ai margini, non capito quando non disprezzato dai suoi contemporanei. Morì giovane -37 anni- dopo aver dipinto un numero enorme di opere soprattutto negli ultimi due anni di vita. Non ebbe mai una vita stabile ed ebbe profondissimi tormenti interiori che lo portarono a compiere scelte discutibili (tra cui tagliarsi una parte di orecchio). Tutte queste vicissitudini di certo contribuiscono a farne una figura vivida e riconoscibile.

Lo stile inconfondibile ha reso Van Gogh famoso

Quello che di certo rende Van Gogh famoso è anche il suo stile, che è immediatamente riconoscibile. A questo stile, Vincent Van Gogh arrivò con un percorso di anni. Iniziò a dipingere piuttosto tardi: le prime opere risalgono al 1881 (Van Gogh aveva già 28 anni), solo nove anni prima della morte. Ma i primi quadri di certo non stupiscono e ad una prima occhiata non li si attribuirebbe a Van Gogh. Solo più tardi, a partire dal 1887, la pennellata di Vincent Van Gogh diventa inconfondibile.

Paesaggio autunnale, 1885

Un confronto tra due opere: la prima è del 1885, la seconda del 1888 quando Van Gogh raggiunse la piena maturità artistica.

Giardino dietro una casa, 1888

Questa pennellata (in realtà il colore era spesso steso direttamente dal tubetto), rende Van Gogh facilmente riconoscibile. Anche le forme utilizzate, i tratti utilizzati, i movimenti diventano ricorrenti e concorrono a rendere Van Gogh estremamente riconoscibile. Infine l’utilizzo di colori quasi sempre puri, quasi sempre senza sfumato, contribuisce a rendere le sue opere estremamente vivide.

La follia e le emozioni

Di certo anche la follia di Vincent Van Gogh ha contribuito ad accrescere la sua fama. Di certo Vincent Van Gogh è famoso anche per questo. Non solo un pittore non riconosciuto dai suoi contemporanei, ma anche un pazzo, un folle e questa sua follia traspare così bene negli ultimi dipinti, negli ultimi autoritratti con quello sguardo di fuoco così poco lucido. Van Gogh, forse per la prima volta nella storia riesce a trasferire sulla tela le proprie emozioni (e la sua follia). L’instabilità di fondo che pervade le opere più mature di Van Gogh è la stessa instabilità della nostra società. Per questo, con ogni probabilità, Van Gogh è famoso.

Leggi anche: Perché la Gioconda è così famosa?

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.